Seguici via Newsletter · Telegram

Segui le novitĂ  su Telegram
26.04.2022

I dark patterns da evitare nello sviluppo di interfacce informatiche.

Tema tecnico per informatici e grafici con risvolti legali importanti: le condizioni legali e privacy online diventano inefficaci.


Riguarda siti, app, smart e voice assistant, interfacce conversazionali.

Su www.cookiekit.it/darkpatterns la guida e la newsletter sui dark patterns da evitare nello sviluppo di interfacce informatiche.

Arriva il digital service act, DSA. Insieme al DMA e al GDPR si prefigge di valorizzare le aziende europee che rispetteranno i più alti standard nei confronti dei clienti online.

Tra i nuovi vincoli: il divieto d'uso di dark patterns, tecniche contenutistische e di interfacce utente che rendono inefficaci le condizioni legali, privacy e cookies.

Per primi in Europa IusOnDemand srl ha estratto ed elencato i 60 esempi ufficiali  di tecniche da non usare.

Installare un template, utilizzare un framework css: cosa c'è di piu' semplice ?

Il DSA, digital service act, espressamente vieta l'uso dei dark patterns.

I dark patterns sono:

  • contenuti
  • interfacce


che per i loro obiettivi di distrarre per confondere i visitatori, raccolgono consensi.

Non sono validi i consensi raccolti in contesti che usano dark patterns, cosi' come perdono valore le consulenze legali per generare informative complete.

I dark patterns sono stati elencati tutti. Difficile dire "non lo sapevo".

L'attuale elenco di 60 esempi in 6 categorie con 2 o tre sottocategorie e' disponibile in un lungo testo tutto in inglese di 64 pagine.

IusOnDemand mette a disposizione di installatori, web agencies, aziende quello che serve.

Per la guida, la newsletter e check-up: www.cookiekit.it/darkpatterns


Segui le novitĂ  su Telegram oppure segui il Podcast

Approfondimenti:

Condividi su Facebook







Dal 2004 accompagniamo i clienti nelle tecnologie e nel diritto


menu
Memo