Memo

La legge e la sua giustizia

Segui le novità su Telegram
13.02.2009

Autore Zagrebelsky Gustavo
Dati 2008, 419 p., brossura
Editore Il Mulino (collana Saggi)

Il filo conduttore di questo volume sulla giustizia costituzionale è l'idea di una doppia anima del diritto: il giudizio giuridico incorpora sempre valutazioni di giustizia materiale e dunque non si esaurisce nell'applicazione di formule legislative.

L'esperienza dell'autore, sostanziata anche dal novennale trascorso alla Corte costituzionale, suggerisce che quelle valutazioni non sono pre-giudizi da evitare o influenze abusive da cui il buon giurista debba guardarsi per proteggersene, ma sono componenti essenziali di ciò che si deve intendere per diritto.

Come tali esse devono essere coltivate apertamente, con la consapevolezza che per questa via viene restaurandosi l'autentica struttura dualista del diritto, una struttura che le riduzioni positiviste - la riduzione del diritto a legge e la riduzione della legge a strumento di potere - hanno per molto tempo oscurato.

Un dualismo che si riflette per eccellenza nell'uso giudiziario della Costituzione, quando si necessita dell'interprelazione della Carta.

Il diritto al fondo è una scienza pratica che deve integrare con equilibrio il punto di vista effettuale e teorico.


Segui le novità su Telegram oppure segui il Podcast

Approfondimenti:

Condividi su Facebook







menu