Memo

Rimborso spese avvocati/praticanti

Segui le novità su Telegram
11.10.2005

Quanto possono avere di rimborsi gli avvocati/praticanti come spese di trasferta/viaggio... senza incidere sul loro reddito e sulla loro tassazione?
Sono un praticante che lavora in uno studio di avvocati e il mio regime Ŕ quello del cosiddetto "forfettino" secondo la lg. 388/2000. Per la determinazione del mio reddito imponibile, come devo trattare le spese? Sono deducibili dal mio reddito. Sulle istruzioni di unico 2005 (fascicolo 3- pag. 14) viene detto "L'art.13 della Legge 388 del 2000 ha previsto per le persone fisiche che intraprendono un'attivitÓ di lavoro autonomo la possibilitÓ di avvalersi, per il periodo di imposta in cui l'attivitÓ Ŕ iniziata e per i due successivi, di un regime fiscale agevolato che prevede il pagamento di un'imposta sostitutiva dell'Irpef nella misura del 10 per cento applicata sul reddito di lavoro autonomo determinato ai sensi dell'art. 54 del Tuir."

Nel reddito determinato secondo l'art 54 del Tuir, posso dedurre le spese che fatturo allo studio (perchŔ poi lo stesso studio le ribalta al cliente) tipo spese di vitto, alloggio e viaggi aerei?


Segui le novità su Telegram oppure segui il Podcast

Approfondimenti:

Condividi su Facebook







menu