Seguici via Newsletter · Telegram

Segui le novitĂ  su Telegram
29.09.2005

Sviluppare idee nuove nel web italiano

Ne abbiamo parlato sul blog di Skytg24, un mito nell'informazione aggiornata e all'avanguardia per l'Italia. Pubblichiamo qui di seguito il nostro intervento rimandando al link indicato per leggere la domanda pubblicata.

Mi sento tirato per le orecchie, e intervengo con piacere. Sono uno di quelli che si puo' permettere di fare tutto in casa: ho i capitali, la conoscenza di 15 linguaggi di programmazione, laurea in giurisprudenza. Ho iniziato nel 1999 con IusSeek.com, motore di ricerca di diritto in Italia. L'unico con un archivio quotidianamente aggiornato da fonti selezionate. Se cerchi "casa" trovi solo articoli di diritto. Indicizzata l'intera Gazzetta Ufficiale. Per non dimenticare che il motore impara dagli utenti e propone altri temi giuridici collegati. Aiuta anche con suggerimenti sulle ricerche (prova a cercare "leggi" ad esempio). Cerca per parte di parola e non distingue tra maschile e femminile, singolare o plurale.

Poi una mailing list di oltre 1000 avvocati civilisti su Civile.it, i cui contenuti sono raccolti in una banca dati che non ha prezzo.

Condivise con magistrati e avvocati oltre 1300 sentenze nel testo completo su www.ricercagiuridica.com/sentenze

Poi una toolbar gratuita per explorer e firefox; allo studio una beta gia' rilasciata per il social tagging.

Infine uno screensaver gratuito che e' un canale di comunicazione incredibile.

I portali si alleggeriscono se consultati da telefonino.

Ne hai mai sentito parlare ? No. Hai idea di quante intranet accedono alle mie risorse e ne parlano solo a voce con i colleghi ? Sembra un comando: usare, ma non farlo sapere. E io mi ritrovo tutti on line.

Ora parliamo di soldi: non c'e' servizio eccellente che tenga se il mercato di riferimento non crede in te.

Non significa avere clienti: significa che anche chi produce nel settore che copri comprenda che tu sei uno strumento per fargli guadagnare soldi.

Ho segnalato qualche volta opere di editori tradizionali: risultato, poche vendite on line, ma moltissimi acquisti off line e grande notorieta' dei prodotti (ovunque andavo mi parlavano dei prodotti segnalati come un qualcosa che avevano potuto apprezzare perche' li avevo segnalati).

Ancora oggi pero' gli editori valutano la pubblicita' sul web per le vendite on line che generano.

Ora qualcuno mi spiega perche' dovrei comprare via web un libro se posso trovarlo dal libraio vicino il Tribunale, toccandolo ? Non significa pero' che la pubblicita' on line non va.

Quindi gli editori italiani sono li' a guardare e aspettare di decidersi. Tanti preventivi, molta richiesta di gratis, poca sostanza. Non ridere: alcuni chiedono persino di essere pagati.

Hanno quasi paura di investire on line per essere derisi: allora si aprono un proprio sito e pensano di poter replicare quello che fanno altri. Ma lo sappiamo bene: una comunitŕ non cresce cosi'. E la comunitŕ e' il valore aggiunto che un editore non puo' togliere ad una iniziativa on line nata con la passione.

Risultato ?

Da quando sto lavorando con l'estero ho vere soddisfazioni e apprezzamenti.

Consiglio ? Fare esperienza in Italia, spendere soldi (quanti mi chiedono di realizzare un servizio e non hanno nemmeno 500 euro da investire in un sito e in un software e in consulenza !) e poi buttarsi con le lingue che si conoscono.

L'errore piu' comune: pensare di poter fare quello che un altro fa gia' meglio di tanti altri. Non e' una banalita', e' lavoro duro arrivarci. L'invidia italiana impedisce di organizzare vere sinergie. Salvo un caso su cento, sia ben chiaro.

E allora invece di pagare una persona che vive sul proprio sito, lo migliora ogni giorno, aumenta i lettori e i contenuti, si crede di risparmiare o avere maggiore controllo del mercato facendo tutto in casa.

Insomma: non si esce dalla logica del concorrente invece di partner. E si vedono concorrenti solo dove l'invidia non fa vedere un partner.

Se l'ha fatto lui posso farlo anche io.

Sono stato lunghissimo. Scusa. Ma la tua domanda era troppo precisa per non portare la mia esperienza. Scusa comunque.

Spataro www.IusOnDemand.com


Segui le novitĂ  su Telegram oppure segui il Podcast

Approfondimenti:

Condividi su Facebook







Dal 2004 accompagniamo i clienti nelle tecnologie e nel diritto


menu
Memo