Memo

Ragionevoli dubbi - L'avvocato Guido Guerrieri

Segui le novità su Telegram
20.12.2007

Autore Carofiglio Gianrico
Dati 2006, 299 p., brossura
Editore Sellerio Editore Palermo (collana La memoria)


«Oltre alle regole scritte, quelle del codice e delle sentenze che lo interpretano c'è una serie di regole non scritte. Queste ultime vengono rispettate con molta più attenzione e cautela. E fra queste ce n'è una che più o meno dice: un avvocato non difende un cliente buttando a mare un collega. Non si fa, e basta. Normalmente chi viola queste regole, in un modo o nell'altro, la paga. O perlomeno qualcuno cerca di fargliela pagare». L'avvocato Guido Guerrieri deve correre questo rischio. C'è un uomo in carcere che si dichiara innocente, condannato in primo grado per traffico di droga. Le circostanze sono schiaccianti e lui stesso, in un primo momento, aveva confessato. Ma c'è però la possibilità che sia finito in una trappola orchestrata dall'avvocato di primo grado. Un maledetto imbroglio, dunque, che Guerrieri è restio a caricarsi, e non solo perché tutte le apparenze sono contro. Il detenuto non è una faccia nuova: ai tempi del movimento studentesco lo chiamavano Fabio Raybàn, picchiatore fascista ossessione dell'adolescenza di Guido. C'è anche una situazione personale ambigua che coinvolge l'avvocato: la fine forse di un amore, l'inizio pericolosissimo di un altro, e in ciascuno di questi incroci sembra materializzarsi lui, il detenuto che si proclama disperatamente innocente.

La recensione di IBS


Dopo tre anni d’assenza, torna l’avvocato Guerrieri, già protagonista di due legal thriller di Gianrico Carofiglio, Testimone inconsapevole e Ad occhi chiusi. Lo scrittore barese, che nella vita di ogni giorno ricopre la carica di magistrato, dopo la parentesi del fortunatissimo romanzo Il passato è una terra straniera, vincitore di numerosi riconoscimenti letterari (tra cui il Premio Bancarella 2005), riprende il racconto delle vicende investigative del personaggio che ha segnato la sua conversione alla scrittura: Guido Guerrieri, un uomo comune, un eroe “umano” pieno di dubbi e incertezze, un detective insolito che indaga tra i segreti dei quartieri e dei vicoli di Bari, indugiando volentieri alla malinconia e a una salutare e sottile autoironia.


Il libro si apre con un Guerrieri che sta vivendo giorni difficili: Margherita, la sua compagna, ha in progetto di partire per gli Stati Uniti per un lavoro importante. Una bella soddisfazione per lei, ma il pensiero della sua lontananza angoscia Guerrieri. Giunge un nuovo caso a distoglierlo provvidenzialmente dalle sue preoccupazioni. Un detenuto, Fabio Paolicelli, condannato pesantemente in primo grado per traffico di droga, ha ricusato il suo avvocato e ora vuol nominare lui come difensore. Al primo colloquio in carcere Guerrieri riconosce immediatamente l’uomo. È uno dei picchiatori fascisti, soprannominato Fabio Raybàn, che tanti anni prima, quando era un ragazzo che frequentava “sporadicamente e senza troppa convinzione i gruppi della sinistra extraparlamentare”, lo aggredì. L’uomo però non mostra di riconoscerlo, anzi, sta affidando a lui la sua sorte. Arrestato con l’automobile imbottita di droga, «convinto» da sconosciuti a nominare come difensore un avvocato che gli aveva procurato il massimo della pena, Paolicelli si protesta innocente e ora vuole affidarsi a Guerrieri che gode fama di professionista affidabile. Che fare? L’avvocato è combattuto tra l’antico odio che nutre per il suo potenziale assistito e l’attrazione che prova al primo sguardo per l’affascinante moglie giapponese dell’uomo, Natsu Kawabata: nonostante tutto decide di accettare. Da quel momento comincia un’indagine serrata che lo condurrà a esplorare ogni piega nascosta della vita di Paolicelli e del suo precedente legale Macrì, sul cui operato gravavo pesanti ombre. A complicare tutto però giunge la «storia» che nasce ben presto con la bellissima moglie di Paolicelli e l’affetto paterno che prova per la figlia, una bambina cui la detenzione del padre ha regalato un sonno pieno di incubi. Guerrieri è innamorato e felice, forse ha sempre desiderato una famiglia così, ma nello stesso tempo avverte tutto il disagio di una situazione ambigua, non solo dal punto di vista della deontologia professionale…
La felicità dell’intreccio narrativo, la trama intrigante, l’attenta caratterizzazione dei personaggi sono gli ingredienti vincenti di questo giallo italiano in cui la verosimiglianza nella ricostruzione del sistema processuale e dell’inchiesta giudiziaria, dovuti all’esperienza reale e quotidiana dell’autore, conferiscono una marcia in più al racconto.


Segui le novità su Telegram oppure segui il Podcast

Approfondimenti:

Condividi su Facebook


eventi sponsorizzati:





menu